Ultimi articoli :

    Terrore nello spazio - RECENSIONE

    C'è l'occasione di vederlo al cinema e non me la perdo di sicuro.
    Insolitamente da solo, arrivo al cinema con anticipo e alla cassa compro biglietto e tessera del cineclub, poi mi sorseggio una Menabrea e ascolto le chiacchiere di chi (una quindicina di persone che diventeranno cinquanta, sessanta) è già lì come me.
    C'è attesa e respirandola mi sento un po' a casa.
    Ci sono anche altri lupi solitari come me e anche questo aiuta.
    Il film l'ho visto tre, forse quattro volte, però il cinema gli dà una prospettiva diversa in questa versione restaurata per la Mostra del Cinema di Venezia di una decina di anni fa.
    Come altri film di Bava non è, di per sé, un capolavoro.
    Il fatto che si dica che Terrore nello spazio ha ispirato Alien ha più il sapore del marketing che della passione per il cinema. Alcune scene fanno ridere qualche spettatore per l'ingenuità. La recitazione è in diversi punti approssimativa, gli attori solo passabili professionisti che non hanno lasciato molti ricordi di sé.
    Ma c'è anche il meglio dell'inventiva di Mario Bava, che gli ha consentito di girare questo film con mezzi ridottissimi. Gli effetti speciali, in particolare, sono di una varietà entusiasmante: dalla lava-polenta bollente, alle miniature dei personaggi ottenute reimpressionando la pellicola più volte, all'atterraggio dell'astronave in una vasca per dare ai fumi un effetto antigravità, al classico glass-shot (tecnica che consiste nel sistemare un vetro con un collage davanti alla cinepresa).
    E poi il finale a sorpresa, perché il film finisce presto (non arriva a 80 minuti): sono comunque soddisfatto del mio ritorno al 1965.
    All'uscita, una ragazza si lascia andare: "Ma è orrendo..."
    Sembra che tutti gli altri si siano messi d'accordo, perché nessuno le risponde. 
    Non ha capito e certe sfumature non si possono spiegare.

    Stefano Nicoletti

    Martin Sheen protagonista del nuovo film del regista di Troll Hunter

    Aspettando notizie fresche sul remake di Troll Hunter (che sarà diretto da Neil Marshall) iniziamo a parlare dei prossimi progetti del suo regista, il norvegese André Øvredal.
    Ne sono due e il più importante è un film per il cinema intitolato The autopsy of Jane Doe le cui riprese sono previste questo inverno a Londra.
    Il film, scritto da Ian Goldberg (la serie tv C'era una volta) e Richard Naing, racconterà di un padre e un figlio proprietari di una ditta di pompe funebri alle prese con l'identificazione di una ragazza trovata morta.
    "The autopsy of Jane Doe ha tutto quello che voglio da un film horror che emoziona spaventa e delizia." dice Øvredal.
    Ad interpretare il film troveremo il grande Martin Sheen, lo fa sapere il sito Screen Daily.


    Il secondo progetto di Øvredal è un tv movie intitolato Ghost Projekt. Ma su questo ne parleremo un'altra volta.





    Iniziamo a parlare del remake di Cani arrabbiati

    Sarà una coproduzione franco-canadese a realizzare il remake del violento road movie Cani Arrabbiati diretto dal grande Mario Bava nel 1974.
    Per adesso si intitola Enragés (che in francese significa arrabbiato) e sarà diretto dall'esordiente Éric Hannezo su una sceneggiatura di Yannick Dahan (co-regista e co-sceneggiatore di The Horde) e Benjamin Rataud.


    Non sarà un remake fotocopia: ci sarà sì la rapina andata a male, degli ostaggi da prendere e una fuga dalla polizia che, e qui la storia cambia, porterà i malviventi fino ad un paesino che festeggia il "Giorno dell'orso". Strane persone abitano quel posto. Bifolchi parecchio sinistri che girano per le strade vestiti da orsi ma anche con delle corna e delle maschere nere.

    Ad interpretare uno degli abitanti del villaggio troveremo Robert Maillet, un gigantone wrestler canadese già visto in Immortals (era il minotauro) e Pacific Rim. Tra gli attori francesi ci saranno Virginie Ledoyen (The Beach, 8 donne e un mistero) e Lambert Wilson (Catwoman, Babylon A.D.).





    Il secondo teaser trailer di The Woman in Black - Angel of Death


    Il primo The Woman in Black nonostante fosse un buon film di fantasmi e avesse come attore protagonista Daniel Radcliffe non ha avuto il successo di pubblico sperato. Forse il motivo del flop era dovuto dal fatto che avesse una ambientazione gotica e non moderna? Può essere. Comunque sia a partire da gennaio inizierà ad uscire nelle sale del mondo il suo sequel intitolato The Woman in Black - Angel of Death. Da noi ancora non esiste una data di uscita ma possiamo stare tranquilli che prima o poi qualche buona nuova in questo senso arriverà. Innanzitutto perché storie di fantasmi ultimamente ne stanno uscendo a iosa: James Wan con i suoi Insidious, The conjuring e il nuovissimo Annabelle ha aperto un po' la strada alternativa alla serie Paranormal Activity che continua comunque a sfornare nuovi episodi e fare proseliti come dimostra il recente Hollows Grove. Ultimamente poi si è parlato anche qui di Ouija e del nuovo Amityville, insomma case infestate e spiritelli vari stanno tornando un po' ovunque e The Woman in Black - Angel of Death dovrebbe avere buone speranze di arrivare fino a noi, grazie anche al fatto che a produrlo è stata una casa storica dell'horror inglese come la Hammer che ha diffuso pochi giorni fa questo nuovo teaser trailer.



    Protagonista è sempre il fantasma rancoroso che adora ammazzare bambini spingendoli al suicidio.
    Questa volta se la prenderà con una scolaresca fuggita con la sua maestrina (Phoebe Fox) dalle bombe tedesche lanciate su Londra durante la Seconda Guerra Mondiale.
    Dirige Tom Harper (ha diretto episodi delle serie tv Misfits e Peaky Blinders) mentre la sceneggiatura è di Jon Croker.






     
    {webzine di arte e cultura contemporanea}
    !!!Per i 100 anni di Mario Bava!!!
    Support : Creating Website | Johny Template | Mas Template
    Copyright © 2011. klub 99 cinema - All Rights Reserved
    CONTATTI: redazione | marketing
    Template Created by Creating Website
    modified by Roberto Fusco Junior | Published by Mas Template
    Proudly powered by Blogger