Header Ads

Un bilancio sulla prima stagione di Falling Skies

Si è conclusa da poco la prima stagione di Falling Skies e quindi è giunto il momento di tirare le somme e diciamolo subito: questa produzione di Steven Spielberg scritta da Robert Rodat (sceneggiatore di Salvate il soldato Ryan), com'era anche facile immaginare, non aggiunge assolutamente niente di nuovo al filone delle invasioni aliene. Tutto comincia a cose fatte, quando cioè gli extraterrestri hanno già da qualche tempo occupato la Terra azzerando quasi del tutto, e in poco tempo ovviamente, la popolazione. I protagonisti sono un gruppo di militari e civili superstiti che, trovato rifugio dentro un college, tenta in tutti i modi di attaccare una vicina base degli alieni. C'è Tom, un professore di storia che per la causa imbraccia il fucile, il rude Weaver, capitano dei militari che solo all'apparenza sembra senza paure ed inflessibile in realtà è un pezzo di pane con non poche insicurezze, Margaret, la biondina tosta che tiene testa a tutti anche al delinquente e maestro di cucina Pope che dopo in po' si aggiunge al gruppo. Prima dell'attacco, che va pianificato nei minimi dettagli, c'è tempo per risolvere piccoli grattacapi come salvare i loro figli rapiti dagli skitter (così vengono chiamati gli alieni tentacolari) e ridotti in schiavitù. Ogni ostacolo superato porta come ricompensa ad una scoperta: infatti una volta salvati i ragazzi si scopre che sono in contatto telepatico con gli invasori, che alcuni sono per questo assoggettati a loro mentre altri, come Ben il figlio di Tom, riescono ad ignorare quella voce per dedicarsi insieme al resto del gruppo alla lotta per la libertà. Più in là poi si scopre che gli skitter sono a loro volta schiavi di alieni umanoidi mai visti prima. Tutto procede comunque secondo un piano che non prevede mai un pericolo veramente tosto da affrontare, tutto insomma deve tendere verso un certo ottimismo perché gli umani saranno pure rimasti in pochi ma sono duri a morire, in mano a loro c'è il destino della razza umana. Possono fallire secondo voi?

Nessun commento

Powered by Blogger.