Header Ads

[RECENSIONE] Le belve

Crudo, patinato, pulp, romantico, ironico e drammatico.
In Le belve questi elementi riescono a convivere grazie all'esperta regia di Oliver Stone capace di virare lo stile a seconda delle esigenze drammaturgiche. Quello che non convince è la storia in sé, in particolar modo la seconda parte in cui sono evidenti un po' di banalità e di forzature.
Si parla di Ben (Aaron Taylor-Johnson) e Chon (Taylor Kitsch) due amici americani inseparabili, spacciatori di erba numeri uno costretti per amore della stessa donna (Blake Lively, vista l'anno scorso in Lanterna Verde) a scendere a patti con un violento cartello messicano rivale. Arriveranno a superare la solita soglia che li trasforma in eroi. Nel loro viaggio tutti, anche i cattivi messicani, scoprono le loro debolezze o il loro lato oscuro. La terribile Elena (Salma Hayek) manifesta il suo bisogno materno, Ben, che dei due amici è quello pacifista, l'altro, Chon, è un reduce di guerra, scopre la sua parte violenta. Insomma, come al solito a un certo punto i ruoli in qualche modo si invertono con i buoni che costretti dalle circostanze si scoprono cattivi e i cattivi che messi alle strette riscoprono i loro lati sensibili.



Ed è proprio in queste scontate conclusioni che Le belve (Savages) finisce nell'oceano del già visto e sentito. Stone di certo è bravo a nascondere certi errori di sceneggiatura (scritta da Don Winslow, autore del romanzo che ha ispirato il film, e dallo stesso Stone insieme a Shane Salerno) nonostante gli sforzi però alcune furbate o luoghi comuni risultano quasi involontariamente risibili a lungo andare come lo stereotipo del messicano violento con i baffoni alla Baffo Rosso Sam (il Lado di Benicio Del Toro), il federale che corre sempre sul filo del rasoio tra legale e illegale (il personaggio di Dennis interpretato da John Travolta), e ancor peggio il concetto che per perdere l'innocenza è necessario il sangue, vero fulcro centrale della pellicola. Le belve resta alla fine un film ruffiano quanto basta per diventare con gli anni un piccolo cult tra i giovani consumatori di marijuana.

Inviaci la tua recensione sul film Le Belve di Oliver Stone.



Nessun commento

Powered by Blogger.