Header Ads

Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato (Peter Jackson)

Il giorno alla fine è arrivato e la prima cosa che ho pensato al termine del film è stata mi fa male il culo. Sì perché, va bene gli scenari mozzafiato, più in generale l'impianto visivo ben curato e tutto quello che volete voi, ma come hanno scritto già in parecchi, Lo Hobbit: un viaggio inaspettato dura effettivamente un po' troppo. È soprattutto la parte centrale, sempre la parte centrale, la causa principale della parziale non riuscita del film. È ancora una volta un problema più di fondo che di forma a rendere un film imperfetto, anzi più che imperfetto. Perché ci sono film che (ci) piacciono nonostante i difetti (di forma o di fondo) e altri meno imperfetti eppure meno convincenti. Perché i parametri del fondo e della forma sono validi ma fino a un certo punto, perché delle formule che rendono un film un bel film non esistono. Comunque sia mi sto comportando esattamente come il film in questione, perché Lo Hobbit a un certo punto si siede, comincia ad allungare il brodo, a chiacchierare un po' troppo perdendosi, poi per fortuna ritrova la strada, troppo tardi però per le mie chiappe. È come se, rispetto alla precedente trilogia de Il signore degli anelli in cui il regista Peter Jackson voleva realmente vincere una sfida, qui si sia voluto battere il ferro finché è caldo.
 
 
 
 
 
 
 
 
Lo hobbit: un viaggio inaspettato
titolo originale: The hobbit: an unexpected journey
Regia: Peter Jackson
Produzione: New Line Cinema, WingNut, 3Food7, Metro-Goldwyn-Mayer
Personaggi e interpreti: Bilbo giovane (Martin Freeman), Gandalf (Ian McKellen), Thorin (Richard Armitage), Balin (Ken Stott), Dwalin (Graham McTravish)
Sceneggiatura: Peter Jackson, Fran Walsh, Philippa Boyens, Guillermo Del Toro (dal romanzo di J. R. R. Tolkien)
Fotografia: Andrew Lesnie
Scenografie: Dan Hennah, Simon Bright
Costumi: Bob Buck, Ann Maskrey, Richard Taylor
Montaggio: Jabez Olssen
Musiche: Howard Shore
Effetti speciali: Weta Digital, Weta Workshop, 3ality Technica, Makeup effects Group Studio, Sky Vega


Nessun commento

Powered by Blogger.