Header Ads

Warm bodies (Jonathan Levine)

Warm Bodies aveva tutta l'aria del film fatto per incassare, furbetto e ben fatto ma niente più. Il pronostico, sorpresa, è indovinato solo in parte. La storia (aricinota da tempo) dell'amore che nasce tra uno zombie e una ragazza d'altra parte già si sapeva che avrebbe sicuramente attratto le giovincelle orfane di Twilight.
Eppure questo film in qualche modo va oltre il semplice e ruffiano blockbuster, o almeno ci prova.
Innanzitutto facendo diventare lo zombie smemorato R (Nicholas Hoult) il protagonista. Sentiamo i suoi pensieri e capiamo che in lui c'è la consapevolezza di essere zombi e di avere per questo dei limiti mentali e motori enormi, anzi si prende anche per il culo per questi motivi, sì perché R ha il dono dell'(auto)ironia un altro segnale che in lui c'è ancora intelligenza. Come sa altrettanto bene che mangiare gli esseri umani è sbagliato, eppure lo fa. Sa di avere istinti che lo portano a frequentare posti come l'aeroporto dove ci sono altri zombi o a mangiare un essere umano se ce n'è l'occasione, soprattutto il cervello che forse è così prelibato perché fa vivere allo zombie che lo mangia i ricordi del proprietario, altra pensata originale del film di Jonathan Levine. Poi arriva lei, Julie (Teresa Palmer), R resta folgorato, si mangia il fidanzato (Dave Franco), la salva dal massacro e la nasconde agli altri zombi. Con l'amore il suo cuore riprende a battere e così anche quelli dei suoi amici. Tocca solo convincere gli altri umani (capitanati dal padre di Julie interpretato da John Malkovich) rintanati in uno stadio murato e fortificato che gli zombie stanno guarendo. I nemici veri e propri, leggasi mostri, sono i pelle e ossa (o come diavolo si chiamano): zombie troppo vecchi per guarire che metteranno un po' i bastoni tra le ruote ai due protagonisti. Alla fine tutto si aggiusterà, i due superano ogni ostacolo che le rispettive specie/famiglie in  qualche modo creano. Ecco quindi che R e Julie sono in fin dei conti dei (post)moderni Romeo e Giulietta capaci di trasformare con l'amore l'apocalisse che si prospettava in una nuova alba per l'umanità. Parliamo pur sempre di un blockbuster per ragazzine.

Invia la tua recensione sul film Warm Bodies.





Warm Bodies
2013
Regia: Jonathan Levine
Produzione: Summit Entertainment, Make Movies, Mandeville Films
Personaggi e interpreti: R (Nocolan Hoult), Julie (Teresa Palmer), Grigio (John Malkovich) Perry (Dave Franco), Nora (Analeigh Tipton)
Sceneggiatura: Jonathan Levine (dal romanzo di Isaac Marion)
Fotografia: Javier Aguirresarobe
Scenografie: Martin Whist, Gilles Aird, Suzanne Cloutier
Costumi: George Little
Special Makeup effects: Dave Elsey, Christophe Giraud, Jessica Spoor, Kathy Tse, Mark Unterberger
Montaggio: Nancy Richardson
Musiche: Marco Beltrami, Buck Sanders

Nessun commento

Powered by Blogger.