Header Ads

[RECENSIONE] L'evocazione - The Conjuring

C'è un abisso tra la prima e la seconda parte di L'Evocazione - The Conjuring.
Si parla, almeno all'inizio, di una casa stregata.
I Perron si trasferiscono in una nuova casa, presa ad un prezzo stracciato. Presto iniziano ad accadere cose strane, le solite cose strane: piccoli rumori, oggetti che cambiano di posto senza che nessuno li abbia toccati, porte che si aprono o si chiudono da sole, cose di questo genere. Poi per forza di cose le manifestazioni sovrannaturali aumentano di intensità e allora ecco il sonnambulismo della piccola o una mano invisibile che le tira la gamba mentre dorme. Già da questi due elementi qualcosa si dovrebbe accendere visto che si trovavano pari pari in Paranormal Activity. Ma magari sono citazioni, omaggi. Altro déjà vu è l'albero con gli impiccati già visto in tempi recenti in Sinister, un altro film che proprio non diceva niente di nuovo e non ha spaventato neanche un po' chi scrive.


Comunque sia, fintanto che The Conjuring resta sul tema della casa infestata tutto poteva andare bene, poi la possessione si sposta dalla casa all'elemento debole che la abita ma siamo già a tre quarti di film e a questo punto a Ed Warren non resta che fare un esorcismo casareccio assistito da sua moglie Lorraine, visto che il Vaticano ci pensa su a causa della condotta non proprio cattolica della famiglia Perron. Rito organizzato alla bell'e meglio eppure rapido ed efficace. Non credo che nella realtà, perché il film si ispira a fatti reali, almeno così si dice in giro, Ed e Lorraine abbiano risolto la cosa in maniera così sbrigativa, con l'esorcismo più veloce della storia. Non credo. Non che uno debba aspettarsi una cosa lunga ed estenuante come quella del film di Friedkin ma neanche ce se la può cavare con una cazzata di cinque minuti contenente una preghiera, una levitazione e un paio di urla disumane. Insomma tutto uno può mandare giù tranne la merda, a meno che non ci si chiami Glen Milstead, ma questa è un'altra storia.

Tutta l'energia accumulata, la tensione, si disperde nella parte finale come un cavallo in testa che all'ultima curva smette di correre lasciandosi raggiungere dagli altri. Abbastanza fastidioso.





L'evocazione - The Conjuring
Titolo originale: The Conjuring
2013
Regia: James Wan
Produzione: Evergreen Media Group, New Line Cinema, The Safran Company
Personaggi e interpreti: Ed Warren (Patrick Wilson), Lorraine Warren (Vera Farmiga), Carolyn Perron (Lili Taylor), Roger Perron (Ron Livingston), Andrea Perron (Shanley Caswell), Nancy (Hayley McFarland), Christine (Joey King), Cindy (Mackenzie Foy), April (Kyla Deaver), Drew (Shannon Kook), Brad (John Brotherton)
Sceneggiatura: Chad Hayes, Carey Hayes
Fotografia: John R. Leonetti
Scenografie: Julie Berghoff
Costumi: Kristin M. Burke
Montaggio: Kirk M. Morri
Musiche: Joseph Bishara

Nessun commento

Powered by Blogger.