Header Ads

La prima immagine di The Human Centipede III

La notizia è partita dal sito Inside Movies per poi rimbalzare ovunque: quel folle di un olandese di Tom Six è quasi pronto per regalarci il capitolo conclusivo della sua saga The Human Centipede.
Sicuramente farà piacere ai fans sapere che in questo capitolo finale, o meglio in questa sequenza finale, vedranno insieme i due attori protagonisti indiscussi dei precedenti episodi: Dieter Laser e Laurence R. Harvey i quali interpreteranno due personaggi piuttosto diversi rispetto a quelli visti precedentemente. Dal mutismo del personaggio di Martin, Harvey sarà nel nuovo film un tipo furbo e chiacchierone, mentre Laser interpreterà un razzista chiassoso e sadico. Cambia anche l'ambientazione che questa volta sarà un carcere situato in mezzo al deserto degli Stati Uniti d'America. A tal proposito Tom Six fa sapere a IM che The Human Centipede III: Final Sequence avrà uno stile più americano rispetto al taglio europeo dei due lavori precedenti, e la presenza nel cast di un attore come Eric Roberts sembrerebbe confermare il suo discorso. Aggiunge poi che gli piacerebbe collaborare con attori ancora più famosi, se questi però avranno le palle di lavorare con un filmaker europeo malato di horror come lui. Bel tipetto Tom Six, non c'è che dire.

Sì va bene tutto ma arriviamo al succo: il centopiedi umano. Forse in un eccesso di megalomania (o di campagna pubblicitaria) il regista e sceneggiatore ha confermato che sarà effettivamente formato da 500 persone, senza l'ausilio di post produzioni computerizzate, come nello stile megalomane di Spartacus.


Per far alzare la febbre dell'attesa è stata diffusa la prima foto ufficiale del film (la vedere qui sopra, cliccate per ingrandirla) che vede insieme proprio Dieter Laser e Laurence R. Harvey.
The Human Centipede III: Final Sequence uscirà entro l'anno (l'imdb parla di aprile per gli USA) e sarà con tutta probabilità il capitolo conclusivo, anche se lo stesso Tom Six a tal proposito conclude dicendo "Never say never", per cui chissà.

Nessun commento

Powered by Blogger.