Header Ads

Il trailer originale e la locandina di Borgman


Borgman è stato visto la primissima volta al Festival di Cannes dove era in competizione per la Palma d'oro, andata poi al meraviglioso La vita di Adele. Sia in occasione della kermesse francese che in tutte le altre venute dopo un po' ovunque nel mondo, il film ha riscosso parecchi consensi, l'ultimo a fine aprile al San Francisco International Film Festival.

Per capire un po' di che si tratta potete vedere qui sotto il trailer in lingua originale (tedesco) con i sottotitoli in inglese. Fantozzi (quasi) ritorna!
Dopo il trailer altre notizie.


Scritto e diretto dall'olandese Alex van Warmerdam, Borgman racconta questa storia:

Tre uomini (tra i quali c'è anche un prete) si aggirano armati in un bosco. Trovano una botola e la aprono. La persona che cercavano però si dilegua usando un'altra apertura sul terreno posta lontana da lì, prima di scappare però avverte due persone che vivono nella stessa condizione. L'uomo (Jan Bijvoet) -dall'aspetto da clochard- raggiunge una casa, bussa e dopo una richiesta assurda e una affermazione falsa si fa picchiare dal padrone di casa. La moglie mossa a compassione lo fa dormire nella capanna purché il marito non scopra niente. Camiel Borgman, questo il nome dell'ospite clandestino, non saprà restare al suo posto anzi tenterà dapprima di parlare con i tre figli della coppia poi si farà raggiungere dai suoi amici del bosco.

Borgman, anche dal trailer, sembra il classico film che -volutamente confuso e criptico- si apre a talmente tante interpretazioni da rischiare di far uscire fuori strada. A meno che lo scopo finale non sia proprio questo.
Una certa curiosità comunque riesce a metterla. Tocca solamente monitorare una eventuale uscita italiana di qualche tipo. Ma la vedo dura...

Nessun commento

Powered by Blogger.