Header Ads

[RECENSIONE] Under the skin

Innanzitutto dobbiamo complimentarci con il regista Jonathan Glazer per averci regalato il primo nudo, per giunta integrale!, della divina Scarlett. Ma qui è la parte mia più becera e primordiale che parla. Però che corpo signori, che corpo! Detto questo adesso parliamo del film e diciamo subito che, a parte la Johansson come mamma l'ha fatta, Under the Skin è un film che se voleva lasciare l'amaro in bocca ci è riuscito bene.

La Johansson interpreta una aliena che se ne va in giro per la Scozia abbordando uomini per fargli fare una brutta e nerissima fine, fino a quando inizia ad accadere qualcosa. E non parlo tanto del fatto che forse da un certo punto in poi inizia a provare simpatia per gli umani (carica un ragazzo con il viso deforme e lo tratta con rispetto, si fa aiutare da un gentile ragazzo ma al momento del suo primo rapporto sessuale si spaventa oltremodo, ma lei, o lui?, non è di questo pianeta). Forse quello che cambia e che alla fine farà la differenza è il quadro generale che esce fuori del genere umano. L'aliena assassina dunque si può anche pentire, iniziando in qualche modo a provare simpatia per gli umani, ma non fa i conti senza l'oste e incontra una razza che pone fine al suo ruolo di carnefice. Tutto si riequilibra grazie ad una violenza che genera violenza perché peggio dell'uomo, più primordiale e alieno dell'uomo, non c'è niente. Glazer lo mette nero su bianco anche visivamente con il fumo nero che nel finale contrasta con il cielo bianco della Scozia.

Nessun commento

Powered by Blogger.