06 settembre 2018

[NEWS] L'horror tunisino Dachra chiude la Settimana Internazionale della Critica


Sarà l'horror tunisino Dachra del videoclipparo (qui al suo primo lungometraggio) Abdelhamid Bouchnak a concludere domani la trentatreesima Settimana Internazionale della Critica, la sezione parallela organizzata dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani nell'ambito della Mostra del Cinema di Venezia.

Dachra racconta la storia di Yassmine (Yassmine Dimassi), studentessa di giornalismo tunisina, e due suoi colleghi che decidono di occuparsi del caso irrisolto di Mongia: una donna ritrovata mutilata 25 anni prima e ora rinchiusa in un manicomio e sospettata di stregoneria. Nel corso delle indagini, i tre amici arrivano nell'arcaico e inquietante villaggio di Dachra dove scopriranno segreti che si riveleranno pericolosi.


Giona A. Nazzaro, Delegato generale della SIC, così ha detto del film e del suo autore:

«La rivelazione di un nuovo talento horror. Un regista tunisino che affronta a testa bassa le contraddizioni fra società rurale e modernità, alla luce dei contrasti che la rivoluzione non ha ancora risolto. Un film sorprendente e inquietante, pieno di colpi di scena. Davvero, non aprite quella porta…».

Abdelhamid Bouchnak
Abdelhamid Bouchnak, regista di Dachra

La SCHEDA:

Dachra (Tunisia, 2018. Colore, 113').
Regia, Sceneggiatura e Montaggio: Abdelhamid Bouchnak.
Interpreti: Yassmine Dimassi, Aziz Jbali, Bilel Slatnia, Hela Ayed, Bahri Rahali, Hedi Majri.
Fotografia: Hatem Nechi.
Suono: Aimen Toumi.
Musiche: Rached Hmaoui, Sam Ben Said.
Scenografie: Fatma Madani.
Costumi: Bassma Dhaouadi.
Produzione: Abdelhamid Bouchnak – Shkoon production.
Co-produzione: Omar Ben Ali – S V P Production.

Nessun commento:

Posta un commento