14 novembre 2018

[SEGNALAZIONI] Il 29 novembre esce nelle sale Isabelle di Mirko Locatelli


Il 29 novembre arriverà nelle nostre sale Isabelle, nuovo lungometraggio di Mirko Locatelli dopo I Corpi Estranei. Questo è il trailer pubblicato a metà ottobre sul canale YT ufficiale della casa di produzione e distribuzione Strani Film.


Bastano questi 60 secondi per lasciar immaginare solo cose tragiche, non serve altro per trovare questo film interessante e appoggiarlo a scatola chiusa.


La storia:
Isabelle (Ariane Ascaride) è un’astronoma di origini francesi, vive in Italia in una grande casa immersa tra i vigneti sulle colline nei pressi di Trieste. Il sole splende sulla campagna, il mare a pochi chilometri si infrange sulla costa rocciosa, il paesaggio è un paradiso e come tutte le estati suo figlio Jérôme passerà qualche tempo con lei. Isabelle lo ama molto, è pronta a fare qualsiasi cosa per lui, ma l’incontro con Davide, un giovane che sta attraversando un momento di grande difficoltà, stravolgerà le loro vite e Isabelle dovrà compiere una scelta che porterà inevitabilmente a un epilogo doloroso.



Ha detto Mirko Locatelli:

«Quando ho iniziato a immaginare una direzione per Isabelle, mi sono imposto di rifuggire gli stereotipi del cinema di genere, a vantaggio degli aspetti più intimi dei singoli personaggi, tutti incapaci di gestire un ruolo che la vita gli ha riservato loro malgrado. Ho sempre pensato a Isabelle come uno di quei personaggi del teatro borghese di Augier o Dumas, che portano il gioco della vita e della morte sul palcoscenico, che lottano contro se stessi e il loro sistema di valori pur di proteggere la propria posizione sociale.
Isabelle è anche un film sull’incedere del tempo sui corpi, sull’ipocrisia e l’egoismo degli esseri umani, sul coraggio e la coscienza con la quale prima o poi ognuno di noi è obbligato a confrontarsi». (Fonte: stranifilm.it).

Il film interpretato anche da Robinson Stévenin, Samuele Vessio e Lavinia Anselmi ha vinto il premio per la miglior sceneggiatura (scritta da Locatelli con Giuditta Tarantelli)  alla quarantaduesima edizione del Montreal World Film Festivala pari merito con Dying To Survive.

Nessun commento:

Posta un commento