01 dicembre 2018

[NEWS] Diciamo la nostra sul film ritrovato dopo 40 anni Opera Mortem

Ecco una notizia che da ieri sta facendo un po' il giro di tutti i siti specializzati e che va presa con le dovute pinze.

Pare che dopo oltre quarant'anni sia tornato alla luce un film horror satanista della durata di 60 minuti dal titolo Opera Mortem, diretto, si dice, dall'inglese pittore pazzo e maledetto David Fleas. Ecco, già da queste prime informazioni emergono i primi dubbi. David Fleas cercato sul motore di ricerca più usato al mondo fa uscire fuori solamente un risultato: una pagina creata il 2 novembre di quest'anno (cosa un po' sospetta) presente sul sito artmajeur.com. Lì potete trovare, oltre all'anno di nascita (1932) e di morte (1974), tre dipinti dell'artista: due nudi e un paesaggio chiamato "Natura Morta" che ha  come data il 1938, quando il pittore aveva 6 anni (altra cosa che fa venire qualche dubbio). Nel nudo maschile il soggetto ritratto si masturba. Fine delle informazioni e del materiale su questo misterioso artista.


Le cose che non tornano non sono finite.
Il film datato 1973 sarebbe stato ritrovato casualmente da un tale di nome Giovanni Mele il quale, dopo una lunga battaglia con i famigliari del pittore/regista, ne ha acquistato i diritti nel 2015 restaurandolo in 2k. Secondo il comunicato da lui inviatoci per email in inglese, Opera Mortem sarebbe girato in super 8 mm e VHS. E qui anche c'è qualcosa che non va, visto che il VHS è iniziato a circolare seriamente a partire dal 1976.

Eppure pare che il film sia stato proiettato all'Odeon Film Theatre di Nottingham, prima di sparire nel nulla proprio a causa di quella scioccante première. Un cinema che si chiama così esiste, o meglio esisteva fino al 2012. Cosa che complica un po' le ricerche negli archivi delle loro vecchie programmazioni.

Insomma gli indizi che potrebbe essere tutta una operazione commerciale studiata non proprio nei minimi dettagli ci sono. Comunque sia Opera Mortem pare che sarà distribuito a gennaio del 2019, da chi ancora non si è capito. Qualche sospetto che sia tutta una montatura lo mette anche il breve trailer sanguinolento, surrealista e necrofilo che alterna immagini sgranatissime ad altre molto nitide.


Nessun commento:

Posta un commento