Lake of Death, l’horror norvegese in una casa tra i boschi

pubblicità

E mentre scopriamo che Evil Dead Rise non si svolgerà come al solito in uno chalet tra i boschi, ecco che ai Marché du Film di Cannes arriva dalla Norvegia Lake of Death (De dødes tjern) ambientato proprio in quel luogo divenuto di culto grazie ai film di Sam Raimi La Casa e La Casa 2.

Scrive e dirige la regista Nini Bull Robsahm di Amnesia (2014).

Il film racconta di Lillian (Iben Akerlie), una donna che ritorna nella casa tra i boschi di proprietà della famiglia insieme ai suoi amici, un anno dopo che il fratello gemello Bjørn (Patrick Walshe McBride) è scomparso nel lago vicino. Lillian vuole chiudere i conti con il passato, aiutata dagli amici, ma la misteriosa storia e il folklore del posto fanno confondere i confini tra realtà e fantasia. Quando iniziano a verificarsi eventi strani, la paranoia si insinua in lei mentre il gruppo inizia a dibutare che il suo sonnambulismo nasconda qualcosa di sinistro e soprannaturale.

Se al volo vengono in mente oltre alle varie Case di Raimi (e al riazzeramento di Fede Alvarez) anche Cabin Fever di Eli Roth (per l’ambientazione nel lago), c’è da dire che Lake of Death prende spunto essenzialmente dal romanzo del 1942 di André Bjerke dal titolo Lake of the Damned, già adattato in un film del 1958 di Kåre Bergstrøm.

Nel cast di Lake od Death anche Elias Munk, Sophia Lie, Ulric von der Esch, Jonathan Harboe e Jakob Schøyen Andersen.

Per conoscere qualcosa in più vi consigliamo di visitare la pagina Facebook del film.

Vi lasciamo con il trailer originale, in lingua norvegese sottotitolato… in norvegese. Fantozzi scansati.

Lake of Death immagine dal trailer
Lake of Death immagine dal trailer
pubblicità

Lascia un commento