[RECENSIONE] Nope (Jordan Peele)

[RECENSIONE] Nope (Jordan Peele)
pubblicità

Per prima cosa Nope, terza regia cinematografica di Jordan Peele, non si discosta dai canoni del sottogenere fantascientifico delle invasioni aliene. La storia infatti si sviluppa secondo il solito schema fracassone in cui chi scopre l’attacco inizialmente resta solo ma poi troverà alleati che aiuteranno (anche sacrificando la loro vita) alla vittoria finale.

Protagonisti sono due fratelli neri, discendenti da una famiglia di addestratori di cavalli per il cinema. Scoprono un disco volante che si nasconde dentro una nuvola sopra il loro maneggio e che va rapendo bestiame e persone. Sono OJ (Daniel Kaluuya, già protagonista di Scappa – Get Out) ed Emerald (Keke Palmer), tanto calmo e taciturno il primo quanto chiassosa ed espansiva è la sorella.

Per lei è l’occasione della svolta, per diventare famosa ed andare in tv da Oprah Winfrey. Tocca solamente portare le prove del disco volante ed ecco che entrano in scena il commesso di un negozio di elettronica (Brandon Perea) e successivamente un documentarista (Michael Wincott) solitario e misterioso.

E c’è anche Ricky ‘Jupe’ Park (Steven Yeun): ex bambino attore e oggi proprietario di un maneggio vicino a quello dei due fratelli. Un personaggio dal passato tormentato, che rimanda in qualche modo al tema dell’ossessione per la popolarità dei nostri tempi, che non aiuta davvero lo sviluppo della trama. La sua presenza pare alla fine poco più di un riempitivo.

Ma sono tante le cose messe lì inutilmente o solamente accennate quando invece avrebbero meritato un approfondimento. Come il rapporto tra i due fratelli, il tema degli sfruttamenti dell’industria cinematografica/televisiva (neri, animali vari), quello della notorietà a tutti i costi (sul web prima per poi approdare in tv, magari da Oprah).

Nope di Jordan Peele risulta alla fine un prodotto privo del coraggio di andare davvero contro le regole del mercato che solo qua e là accenna serie analisi socio-culturali e metacinematografiche. La qual cosa rappresenta un passo indietro nella filmografia del regista.

Nope è distribuito nelle sale italiane da Universal Pictures.

pubblicità

pubblicità

Roberto Junior Fusco

Fondatore e amministratore del sito. Contatto: robertojuniorfusco@klub99.it Collabora con klub99.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.