[EXTRA] Una scusa per parlare un po’ di George Méliès

Il canale YouTube di Cranked Up ha pubblicato il corto di George Méliès dal titolo Le manoir du diable.

Méliès, per chi di altri pianeti non lo sapesse, è l’artista coevo dei fratelli Lumière che – a differenza dei loro lavori improntati su uno stile documentaristico – ha da subito intrapreso la strada del fantastico e della sperimentazione. Lui e Segundo de Chomón.

Méliès tanto per cominciare inventa il montaggio. Nei film dei fratelli inventori della settima arte non esisteva. Non si tagliava. Si “riduceva” tutto ad una sola inquadratura di pochi minuti su qualcosa: l’arrivo di un treno, le loro famiglie durante un pic nic. Cose del genere. Papà George va oltre. Tagliando o sovrapponendo la pellicola in certi modi scopre che può far apparire o sparire oggetti, personaggi, scenari. Può modificare la realtà. Usando queste tecniche (è il papà anche del passo uno) inventa il cinema fantasy. Suo è il celebre Viaggio nella Luna del 1902.

Il corto che propone Cranked Up è interessante da vedere perché viene realizzato nel 1986, un anno dopo l’invenzione del cinema, eppure molti dei trucchi che renderanno celebre Méliès già ci sono. Alcuni rudimentali, altri già perfetti. Ne Le manoir du diable c’è niente meno che il diavolo a far impazzire il povero protagonista. E c’è già anche l’ironia, altro tratto distintivo della sua filmografia: perché le reazioni dei personaggi alle apparizioni sono volutamente comiche nella loro teatralità.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *