[EXTRA] Chi interpreterà Diabolik nei sequel dei Manetti Bros.?

[EXTRA] Chi interpreterà Diabolik nei sequel dei Manetti Bros.?
pubblicità

Il 16 dicembre arriva nelle nostre sale l’atteso Diabolik diretto dai Manetti Bros. e interpretato da Luca Marinelli, Valerio Mastandrea e Miriam Leone.

E sono già in lavorazione i due seguiti sempre diretti da Marco e Antonio Manetti.

A tal proposito, un articolo de Il Resto del Carlino ha fatto sorgere il dubbio che Giacomo Gianniotti abbia preso il posto di Marinelli nel ruolo del ladro mascherato. Una idea sorta principalmente per un post dell’attore italo-canadese di Grey’s Anatomy, pubblicato su Instagram il 21 ottobre con geolocalizzazione Bologna, uno dei luoghi di riprese del film, dove Marco Manetti (tra l’altro) ha messo “mi piace”. Pippe mentali? Si parla del niente? Forse sì, forse no. I fatti sono pochi e discordanti.

La pagina dell’imdb su Diabolik 2 vede Luca Marinelli nel cast, insieme a Valerio Mastandrea e Miriam Leone confermati anche loro nei ruoli di Jinko ed Eva Kant. Di Gianniotti non c’è traccia. Più cauti cinemaitaliano.info e mymovies.it che hanno creato la pagina senza però inserire il cast.

Visto che si parla del nulla non ci dispiacerebbe una via di mezzo. Ovvero sia Marinelli che Gianniotti nel ruolo del “re del terrore”.

L’ipotesi è fattibile considerando la capacità del personaggio delle Giussani di cambiare aspetto utilizzando maschere, trucchi e altre cose simili.

Magari sarà più probabile vedere, nel caso, verso l’inizio del secondo film, il personaggio modificare definitivamente il suo volto da quello di uno a quello dell’altro, con i due attori che si passano così il tesimone.

Dal teaser trailer di Diabolik dei Manetti Bros..

Ma sono solo supposizioni. Per adesso non c’è ancora la notizia ufficiale di Luca Marinelli sostituito da Giacomo Gianniotti nei sequel di Diabolik.

Il film Diabolik è tratto dal fumetto omonimo inventato nel 1962 dalle sorelle Angela e Luciana Giussani, già adattato per il grande schermo da Mario Bava nel 1968.

Vi facciamo vedere il post “incriminato” di Giacomo Gianniotti, pubblicato sul suo proflo instagram.

pubblicità

pubblicità

redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *