[NEWS] L’uomo che disegnò Dio di Franco Nero in anteprima a Torino

[NEWS] L’uomo che disegnò Dio di Franco Nero in anteprima a Torino
pubblicità

Il Museo Nazionale del CinemaTorino Film Festival e Film Commission Torino Piemonte presentano, lunedì 5 dicembre al Cinema Massimo di Torino, TFF Extra: omaggio a Franco Nero, con la proiezione in anteprima assoluta de L’uomo che disegnò Dio.

Il lungometraggio è interpretato e diretto da Franco Nero, qui al suo secondo lungometraggio da regista (dopo Forever Blues del 2005).

Nel cast spiccano i nomi di Kevin Spacey, Faye Dunaway, Robert Davi e Massimo Ranieri.

 L’uomo che disegnò Dio verrà presentato in anteprima al pubblico torinese al Cinema Massimo, alle ore 21.00 di lunedì 5 dicembre.

Parteciperanno alla proiezione Franco Nero, gli interpreti Stefania RoccaDiana Dell’ErbaSimona NasiDiego Casale, la giovane torinese Isabel Ciammaglichella e il produttore torinese Louis Nero.

Emanuele è un anziano, solitario e cieco, con un grande dono: la capacità di ritrarre chiunque semplicemente udendone la voce. Nessuno conosce questa “magia”, tranne la sua assistente sociale Pola e gli studenti della scuola serale dove insegna ritrattistica a carboncino.

La sua vita viene sconvolta quando Pola gli presenta due immigrate africane: Maria, una vedova che è venuta in Italia sperando in un futuro migliore, e sua figlia Iaia. Le due si trasferiscono da lui occupandosi in cambio della casa. Una sera, Iaia registra l’anziano mentre sta disegnando un suo ritratto e carica il video online. La “magia” diventa virale in brevissimo tempo. Emanuele viene notato dal “Talent Circus”, uno show televisivo che scopre straordinari talenti che sfrutta per audience.

Ispirato a una storia vera, L’uomo che disegnò Dio è stato scritto da Eugenio Masciari, Lorenzo De Luca e Franco Nero.

Una favola sulla necessità di riscoprire il miracoloso potere della dignità in un mondo dove il rumore dei media ha risolto il problema dell’imperfezione dell’uomo semplicemente eliminando il problema stesso.

pubblicità

pubblicità

redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *