[RECENSIONE] Just a Child

pubblicità

Con Adam Ford abbiamo parlato (qui) in occasione del suo bellissimo e sconvolgente Torment da poco distribuito in una ultralimited edizione da collezione targata Unearthed Films che ha fatto sold out!
Proprio in questi giorni, durante il Cannes market, la label canadese Darkside Releasing ha presentato il secondo horror da regista di Ford, Just a Child, un horror atmosferico che richiama lo stile dei B-movie italiani anni ’80 e che è ben lontano dagli eccessi del film precedente.

TRAMA: Barbara torna col figlio Bob ed il nuovo compagno, Anthony, nella casa dove visse col precedente marito, ora deceduto.
Il ragazzo è un adolescente disturbato e asociale, Antony un ex soldato autoritario e arrogante e la scelta di trasferirsi in una casa così piena di ricordi del passato si ritorce contro Barbara come un boomerang.
Strani eventi iniziano ad accadere e i rapporti fra i tre si incrinano sempre più, mentre il ragazzo sembra trovare conforto con le visite del padre morto. L’arrivo inatteso di un prete sarà l’elemento scatenante di tutte le tensioni accumulate, fino alla scoperta di una verità assurda e malvagia.

La nostrana Queen dell’horror Chiara Pavoni, nel ruolo di Barbara dimostra di saper giocare di fino con le espressioni e il non detto; Alessandro Feudale incarna perfettamente il ragazzetto a cui vorresti darle di santa ragione anche senza motivo e e Alfonso D’Auria – qui al suo debutto – ci regala una convincente prova attoriale (particolarmente/tristemente fastidiosa la scena dell’autolesionismo sotto la doccia). Fulciana l’apparizione del prete, interpretato da Giorgio Agri, che con la Pavoni invece fece coppia nell’estremissimo segmento Black Cat di Cristopharo, inserito nel corale POE 4. Curatissima come sempre la fotografia di Cristopharo (qui in veste di produttore assieme a Coulson Rutter della inglese Ulkurzu) che richiama indubbiamente Bava e Franco, mentre la casa… è inquietante al punto giusto, e ricorda tantissimo quella di Amityville Horror.
Il film omaggia i B-movie ed è esso stesso un B-movie: spensierato, leggero, senza pretese autoriali o di voler raccontare chissà che, finalmente ci riporta indietro in quei tempi in cui fare un horror era principalmente creare situazioni e atmosfere paurose senza troppe menate. E se parliamo di atmosfere, non si può non citare la colonna sonora straordinaria di Alexander Cimini (Red Krokodil, Dark Waves, AGP: Sacrifice), pluripremiato oramai veterano dell’horror indie, che sigilla tutte le scene con eleganza, malinconia e un tema d’apertura che vi resterà in testa per giorni.

Strepitoso anche il trucco vintage dello zombie (Federico di Pasquale), che ci regala una visionaria scena di necrofilia.

Lo stile del film e della musica, dichiaratamente anni ’80, ha un curioso cambio di registro nel finale, dove regia, fotografia, recitazione e musica fanno un salto indietro negli anni ’70 stravolgendo tutto l’impianto filmico.
Durata giusta (appena 75 minuti): vola via in un attimo e senza essere un capolavoro, ci lascia in bocca il sapore della soddisfazione, come l’aver rivisto uno di quei film horror pensati per la TV… ma quando la TV ancora sapeva osare!

pubblicità

pubblicità

Antonietta Masina

Salve! Io mi chiamo Antonietta Masina e… già, con un nome così, non potevo che amare il cinema. Son quindi cresciuta fra scherzi, assonanze e rimandi…ad una delle attrici (e muse) più immense; non potevo non conoscere lei (Ovvio, parlo di Giulietta Masina!) ed i film che ha interpretato; grandi film di uno dei più grandi registi di tutti i tempi. Alle medie, il mio nome venne rielaborato dai compagni di classe in “Antonomasia” e, mentre le altre bambine giocavano con i principi azzurri, io sognavo… sognavo quei cappelli, quei costumi, quei colori… che mi portavano su altri piani di realtà nonostante Fellini stesso affermasse “Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare.” Ai tempi del liceo poi, si parlava spesso con amici su quale fosse la “Birra per Antonomasia”, “la Canzone per Antonomasia” o “il Film per Antonomasia”… che quasi predestinata, scelsi poi di studiare comunicazione per poter lavorare in questo campo, e far sì che “Antonomasia” in persona potesse rispondere alle loro domande! Chi scrive è una ragazza, anzi, una “persona” che ama il cinema; Il cinema quello fatto con passione, con serietà, ma non seriosità; il cinema condiviso e discusso con chi lo ama, con chi va al cinema (e andare al cinema è come andare in Chiesa per me, con la differenza che la Chiesa non consente il dibattito, il cinema sì). Ho una forte predilezione per il cinema fantastico ed horror, il mio fine non è solo quello di condividere i miei pensieri o recensire un film specifico (NON sono un critico, né conosco tutto… anzi, ho molti limiti e carenze che spero di colmare), ma anche discutere sulle motivazioni ed i sottotesti di interi generi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *