[EXTRA] Brood: qui “male” ci “cova”

[EXTRA] Brood: qui “male” ci “cova”
pubblicità

The Brood (conosciuto da noi come Brood – La covata malefica) è un film del 1979 scritto e diretto da David Cronenberg.

Cronenberg scrisse il film in seguito al tumultuoso divorzio da Margaret Hindson ed alla battaglia per la custodia dei figli; il regista ha inoltre dichiarato che il personaggio di Samantha Eggar, Nola Carveth, possedeva alcune delle caratteristiche della sua ex moglie.

La Eggar era famosa (almeno da noi) per aver precedentemente preso parte al capolavoro di Armando Crispino L’Etrusco uccide ancora (1972); Premiata con un Prix d’interprétation féminine nel ’65, e un Golden Globe nel 1966, ha fatto (poco) cinema fino al 1999 per poi dedicarsi a una forse più remunerativa carriera televisiva.

Se il protagonista è un congelato Art Hindle (già visto in Black Christmas e che col tempo si è sciolto un po’ di più in film come The Void) che scorre inoffensivo ed inespressivo, abbiamo come contrappunto un magnetico Oliver Reed, che rende oro tutto ciò che tocca. Reed è stato consacrato per film come Donne in Amore e I Diavoli di Ken Russell, ma anche per le sue performances in film come Ballata Macabra di Dan Curtis (con le straordinarie Karen Black e Bette Davis) e nel recente Gladiatore. Solo lui poteva rendere e reggere sulle spalle il peso di un personaggio complesso e magnetico come quello del Dr. Raglan, psicologo che sta studiando una pratica psicosomatica la “psicoplasmia” in grado di trasformare il corpo in seguito alle manifestazioni di rabbia.

Pregevole e memorabile anche il cameo di Robert A. Silverman un nome ricorrente nei film di Cronenberg (Rabid, Scanners, Pasto Nudo, Existenz) e nel panorama horror (Venerdi 13 la serie, Jason X, Prom Night) che interpreta uno dei sopravvissuti alle pratiche di Raglan, il cui corpo si sta rivoltando per vendetta, facendo nascere disgustosi fibromi e tumori.

L’ossessione delle/per le mutazioni/espressioni corporee care al regista canadese, qui passa in secodo piano per raccontare soprattutto un dramma familiare. Gli FX son ridotti al minimo ed il tema centrale è l’odio che sovrasta incontrollabilmente l’amore rendendo le persone cieche. Sotto questo punto di vista, il rapporto fra Nola e il marito è davvero tormentato e l’unica vera vittima/valvola di sfogo è la loro Bambina chiamata simbolicamente Candice/Candy (candore, caramella) interpretata da Cindy Hind al suo debutto (e che ritroveremo poi nel 1983 in La Zona Morta).

Alla colonna sonora, funzionale ma davvero banale e piena di clichè, un altro fido di Cronenberg, Howard Shore che darà nei film successivi (La Mosca, Pasto Nudo, M. Butterfly, Crash) il suo meglio, arrivando poi a scrivere le musiche dei film della trilogia de Il Signore degli Anelli vincendo il premio Oscar nel 2002 per la colonna sonora de La Compagnia dell’Anello e nel 2004 per quella de Il Signore degli Anelli – Il ritorno del re e per la canzone “Into the West”, interpretata da Annie Lennox.

E veniamo finalmente ai piccoli assassini, o a quell’entità mutante che si moltiplica in tante facce di uno stesso odio, creature non-nate da una stessa madre e tutte fratelli/sorelle, plasmati sulla visione distorta della bambina Candy e che spesso ricordano la “bambina” di Don’t Look Now/A Venezia… Un Dicembre Rosso Shocking (1973) il capolavoro di Nicolas Roeg.

Curiosità: il film uscì anche in una rara VHS italiana edita per EUREKA VIDEO intitolato LA SETTA, con una cover alternativa!

pubblicità

pubblicità

Antonietta Masina

Salve! Io mi chiamo Antonietta Masina e… già, con un nome così, non potevo che amare il cinema. Son quindi cresciuta fra scherzi, assonanze e rimandi…ad una delle attrici (e muse) più immense; non potevo non conoscere lei (Ovvio, parlo di Giulietta Masina!) ed i film che ha interpretato; grandi film di uno dei più grandi registi di tutti i tempi. Alle medie, il mio nome venne rielaborato dai compagni di classe in “Antonomasia” e, mentre le altre bambine giocavano con i principi azzurri, io sognavo… sognavo quei cappelli, quei costumi, quei colori… che mi portavano su altri piani di realtà nonostante Fellini stesso affermasse “Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare.” Ai tempi del liceo poi, si parlava spesso con amici su quale fosse la “Birra per Antonomasia”, “la Canzone per Antonomasia” o “il Film per Antonomasia”… che quasi predestinata, scelsi poi di studiare comunicazione per poter lavorare in questo campo, e far sì che “Antonomasia” in persona potesse rispondere alle loro domande! Chi scrive è una ragazza, anzi, una “persona” che ama il cinema; Il cinema quello fatto con passione, con serietà, ma non seriosità; il cinema condiviso e discusso con chi lo ama, con chi va al cinema (e andare al cinema è come andare in Chiesa per me, con la differenza che la Chiesa non consente il dibattito, il cinema sì). Ho una forte predilezione per il cinema fantastico ed horror, il mio fine non è solo quello di condividere i miei pensieri o recensire un film specifico (NON sono un critico, né conosco tutto… anzi, ho molti limiti e carenze che spero di colmare), ma anche discutere sulle motivazioni ed i sottotesti di interi generi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *