[NEWS] Il trailer dell’horror francese Anonymous Animals

pubblicità

anonymous animals - pic 1

Sarà proiettato durante il Festival di Sitges il film francese Anonymous Animals, scritto e diretto da Baptiste Rouveure, qui al suo primo lungometraggio.

Protagonisti una serie di animali antropomorfi che ammazzano i soliti poveri malcapitati. Non gente fuori di testa che indossa maschere di animali, ma bestie mutanti. Questo sembrerebbe emergere dalle informazioni che ci sono pervenute e che abbiamo trovato in rete.

Anonymous Animals nasce da una mia immagine ossessiva: quella di un cavallo che attacca un uomo sotto impulsi carnivori. Questa immagine inconscia da incubo è arrivata a nutrirne altre reali nella mia infanzia rurale.

Per la mia vicinanza a un ambiente naturale, sono stato un osservatore privilegiato di una natura selvaggia, ma anche un testimone della fatale presa dell’uomo sugli animali attraverso lo sfruttamento e la caccia. Queste immagini a volte sanguinose, macabre, crudeli sono arrivate a nutrire nel tempo una forte empatia verso l’animale e una costante messa in discussione del suo posto nella nostra società.

Questo cavallo carnivoro che mi perseguitava era il risultato di una natura malata e morente. Questa digressione della catena alimentare si è poi trasformata, durante la stesura del film, in una trasposizione dei corpi tra uomo e animale. Gli animali antropomorfi che ne derivano agiscono secondo i nostri codici come dominanti, sfruttatori, cacciatori, portando in sé una disumanizzazione nei confronti della… specie umana. Questo attraversamento dello specchio pone così i protagonisti umani sotto il giogo del dominio animale, per il quale sono sagome senza nome, animali anonimi.”.

Baptiste Rouveure.

Anonymous Animals (Les Animaux Anonymes) dura poco più di un’ora (64′) ed è interpretato da Thierry Marcos, Aurélien Chilarski, Pauline Guilpain, Emilien Lavaut.

Il film sarà distribuito da Black Mandala, la casa di produzione e distribuzione neozelandese fondata da Michael Kraetzer e Nicolás Onetti. Dal loro canale YouTube prendiamo il trailer.

pubblicità

Lascia un commento