Gli aggiornamenti su Stopmotion di Robert Morgan

Gli aggiornamenti su Stopmotion di Robert Morgan

C’è una certa attesa per Stopmotion: il lungometraggio diretto da uno dei nuovi esponenti di spicco dell’animazione omonima Robert Morgan (Bobby Yeah).

Si tratta di un horror attualmente i post-pruduzione interpretato da Aisling Franciosi (The Nightingale) che racconta di una animatrice (stop-motion, ovviamente) e della sua lotta per controllare i demoni interiori dopo la perdita della prepotente madre. L’artista si imbarca nella creazione di un film che diventa il campo di battaglia per la sua sanità mentale. Quando la mente di Ella inizia a vacillare, i personaggi del suo progetto iniziano a prendere vita.

Rispetto al primo articolo che abbiamo dedicato a Stopmotion ci sono da fare un po’ di aggiornamenti.

Al cast, leggiamo sull’imdb, si sono aggiunti la giovane Caoilinn Springall (The Midnight Sky), Tom York, Bridgitta Roy, Jaz Hutchins, Joshua J Parker.

Dalle riprese di Stopmotion il regista Robert Morgan ha pubblicato nei mesi scorsi sul suo profilo Instagram qualche foto. Immagini piuttosto generiche eccetto per qualcosa che lascia immaginare lo spirito del film.

A marzo arrivava un ciak dove leggiamo che la fotografia è stata curata da Léo Hinstin di Necropolis – La città dei morti.

Il mese successivo giungevano invece tre nuove foto. Nella prima vediamo la copertina della sceneggiatura, che Morgan ha scritto con Robin King, con una nota che dice “Le scene che sono state cancellate sono da considerarsi sacrificabili o fuse con altre scene come indicato nella sceneggiatura.” .

La seconda è di nuovo un ciak su cui però è disegnato il volto (di una donna?) che si spacca in due per far uscire un’altra testa (urlante), mentre l’ultima mostra una grossa bocca con dei denti aguzzi posto su un muro sopra un termosifone.

Ora tocca solamente aspettare le prime foto ufficiali, la locandina, il trailer, e scoprere dove Stopmotion sarà presentato in anteprima.

Continuate a seguirci anche sui nostri canali sociali.

redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *