[RECENSIONE] (2) Buio di Emanuela Rossi

pubblicità

Il Buio per Antonomasia.

Candidato ai David di Donatello 2020 per il miglior soggetto, Buio è il film d’esordio di Emanuela Rossi, già vincitore del Premio Raffaella Fioretta per il Cinema Italiano ad Alice nella Città 2019.

Una fiaba apocalittica e dark, che rivela una grande competenza e mano sicura.

Il cast è di tutto rispetto, composto da Valerio Binasco (nel 2005 Binasco ha ricevuto la nomination ai Nastri d’Argento quale miglior attore protagonista nel film Lavorare con lentezza e nel 2016 quale migliore attore non protagonista per Alaska) e le tre strepitose Denise Tantucci, Gaia Bocci e la piccola Olimpia Tosatto.

Olimpia Tosatto, Gaia Bocci e Denise Tantucci nel film Buio di Emanuela Rossi.

Purtroppo, la nota dolente del film è proprio Binasco, un mattatore che non ha il giusto carisma per il ruolo affidatogli, specie se confrontato con i risultati delle potenti spontaneamente realistiche performances delle protagoniste.

La fotografia è ottima, la regia è lenta e meditativa, a tratti però risulta statica. Ma la Rossi promette benissimo, e si rivela sensibile e attenta nel cogliere sfumature da atmosfere e attori (specie dai più piccoli, che sappiamo bene quanto son difficili da gestire).

Il twist del film, lo sospettavo già dopo pochi minuti dall’inizio, ma nonostante tutto non è così fondamentale nel viaggio che ci affrontiamo a percorrere. Un viaggio nella pubertà, nel divenire donna e nel cercare di scrollarsi di dosso il peso di una società maschilista e menzognera.

Denise Tantucci nel film Buio di Emanuela Rossi
Denise Tantucci nel film Buio di Emanuela Rossi.

Il risultato finale mi ha ricordato nella struttura, moltissimo Bug di Friedkin (in certe scelte scenografico/fotografiche e nella paranoia/plagio ostentata dal protagonista) ma anche film come The Village di N. Shyamalan.

Un esordio da lodare, una regista (finalmente!) da seguire con attenzione. Di Buio ne abbiamo parlato già qui.

pubblicità

Lascia un commento